Ingredienti per 4 persone:
400 g di Linguine al nero di seppia Rustichella d’Abruzzo
500 g di asparagi verdi
400 g di polpa di zucca
2 code di aragosta
1 limone bio
1 scalogno
0.5 dl di vino bianco
brodo vegetale
olio extravergine d’oliva
sale
pepe

Preparazione:
Sfilate la carne delle code di aragosta dal carapace e mettetele a marinare in frigorifero per 10 minuti insieme ai gamberi, un goccio d’olio extravergine d’oliva, sale e pepe. Usate i carapaci per insaporire il soffritto di scalogno, fateli tostare per bene e poi sfumate con vino bianco. Lavate gli asparagi e spellate leggermente la parte inferiore dei gambi. Coprite i gambi con acqua (a filo), aggiungete un pizzico di sale e fate bollire 8-10 minuti col coperchio. La crema deve essere densa quindi non aggiungete troppa acqua all’inizio; potete sempre farlo dopo se vedete che si seccano. Se avete del brodo vegetale che vi avanza potete usarlo al posto dell’acqua per dare un po’ più di sapore. Togliete i carapaci dal soffritto, aggiungete le punte di asparagi tagliate a rondelle, insaporite con sale e pepe e fate cuocere 7 minuti, bagnando con un goccino di brodo oppure semplicemente con acqua bollente. A metà cottura saltate i gamberi in padella 1-2 minuti e cuocete le code di aragosta per 3-4 minuti. Pulite e tagliate la polpa di zucca a pezzetti e mettetela a cuocere in acqua salata bollente per 20 minuti circa. Scolatela e passatela al mixer fino ad ottenere una purea. Buttate la pasta, scolate al dente e impiattate partendo dalla crema di zucca sul fondo.